Le più grandi sorprese ai mondiali di tutti i tempi

L’eliminazione della Germania ai gironi ci ha fatto venire in mente molte altre partite clamorose che taluni chiamano flop o miracoli sportivi. Ma quali sono state le più clamorose eliminazioni o i più clamorosi miracoli nei mondiali di calcio? Ne abbiamo cercato uno per ogni edizione, buona lettura.

Iscriviti al nostro canale YouTube e sei appassionato di fumetti, serie tv e tutto ciò che riguarda il mondo nerd iscriviti anche al nostro canale YouTube”BackToTheNerd” !

Mondiale 1930

Brasile – Jugoslavia 1-2

Il Brasile si trova come testa di serie nel gruppo 2 insieme a Jugoslavia e Bolivia. Sembrava che il passaggio del turno per i futuri verdeoro (all’epoca usavano una maglia bianca) fosse solo una formalità ma invece persero al debutto proprio contro la Jugoslavia. Il risultato fu decisivo e gli eliminò dal torneo. La Jugoslavia finirà il suo percorso contro i futuri campioni del mondo dell’Uruguay  con una sconfitta per 6 a 1.

La nazionale Brasiliana del 1930. (Foto di proprietà di Wikipedia)

 

Mondiali 1934

Svezia – Argentina 3-2

Siamo nei mondiali italiani, i primi organizzati in Europa. L’Uruguay per protesta non partecipa e l’altra finalista ovvero l’Argentina sembra una delle favorite al titolo. Al primo turno però, si tratta di ottavi di finale viene subito eliminata dalla Svezia. Gli svedesi verranno in seguito eliminati nel torneo successivo dalla Germania.

Poster del mondiale 1934. (Foto di proprietà di Wikipedia)

 

Mondiali 1938

Italia – Brasile 2-1

Siamo proprio noi i protagonisti di questa partita. L’Italia nel 1938 anche se detentrice del titolo incontra lo strafavorito Brasile in semifinale. I brasiliani sono così sicuri di vincere da aver già comprato i biglietti per la finale mondiale e non fanno giocare il loro asso Leônidas. Tutta questa sicurezza costerà cara e aprirà le porte per il secondo mondiale consecutivo per l’Italia. Pare proprio che per i brasiliani i mondiali siano stregati ma non sanno che il peggio deve ancora venire.

Logo del mondiale 1938. (Immagine di proprietà di Wikipedia)

Mondiali 1950

Uruguay – Brasile 2-1

Questa forse è la partita che più di tutte rappresenta la sorpresa del mondiale ed è la più cocente delusione del calcio brasiliano tanto da essere ricordata come “Maracanazo”. Prima di tutto dobbiamo spiegare come si svolgeva quel mondiale. Il mondo veniva dalla seconda guerra mondiale e l’Europa era ancora in ginocchio. Il mondiale venne quindi organizzato in Brasile e vide un girone finale a quattro formato da: Brasile, Uruguay, Svezia e Spagna.

L’ultima partita vedrà le prime due scontrarsi per il titolo, essendo il Brasile a quota 4 e l’Uruguay a quota 3, all’epoca la vittoria valeva 2 punti. I padroni di casa potevano accontentarsi del pareggio per vincere il loro primo titolo mondiale gli uruguayani invece dovevano per forza vincere. La partita vide il primo gol al 47 proprio dei brasiliani e ormai la festa sembrava solo una questione di tempo, ma Schiaffino al 66° minuto e Ghiggia al 79° minuto ribalteranno la partita. In Brasile secondo le cronache dell’epoca si contarono 34 suicidi e 56 morti per arresto cardiaco. L’evento fu definito “A pior tragédia na história do Brasil” (la peggiore tragedia nella storia del Brasile), furono proclamati tre giorni di lutto nazionale. La nazionale brasiliana non giocherà una partita per quasi due anni e cambierà la divisa, dalla bianca passerà per un periodo a una maglietta azzurra e in seguito al classico verdeoro.

L’Uruguay campione del mondo nel 1950. (foto di proprietà di Wikipedia)

Fine prima parte.